occhiali Trussardi: bentornati.

Trussardi è uno dei marchi storici della moda italiana, fondato nel 1911 ha raggiunto il suo massimo successo negli anni 90, e dal 2000 i figli di Nicola, prematuramente scomparso, dirigono l’azienda. Oggi Tomaso e Beatrice continuano il lavoro di consolidamento ed innovazione del marchio.
In questo contesto si inserisce la nuova partnership in strettissima collaborazione con la DeRigo per la produzione e la distribuzione di occhiali. La storia recente ci ha insegnato che per riuscire a trasportare uno stile anche negli occhiali serve che chi sa produrre sia a contatto con chi disegna “il marchio”. L’occhiale è prima che un accessorio di moda, un dispositivo medico per migliorare la vista: ha quindi dei requisiti tecnici da soddisfare prima ancora di risultare piacevole e bello. Il fatto che dalla parte di Trussardi ci sia una proprietà chiara ed identificabile è un altro vantaggio. Quante volte marchi di moda di proprietà in mano a fondi di investimento non sono riusciti a riprodurre l’anima del marchio per mancanza in primis di referenti all’altezza del compito, prepararti più sulla finanza che non sulla moda e le dinamiche produttive e distributive.

trussardi ottica stellina

 

 

 

Trussardi occhiali mancava da qualche tempo nei negozi e così si è preferito fare un’operazione rilancio che getti le basi per rientrare in un mercato così completo e dinamico come quello dell’occhialeria. Negli ultimi anni, almeno in Italia, pensare a Trussardi faceva un po’ operazione nostalgia e lo relegava comunque ad un’immagine appannata, quasi un nobile decaduto o una bella donna che gli anni migliori erano lontani. Quando mi hanno proposto questa nuova collezione debbo dire che mi ha lasciato abbastanza tiepido; insomma non ne sentivo la mancanza, né la necessità. Però, ho voluto guardare e toccare con mano gli occhiali per capire se era un’ennesima operazione rilancio oppure se c’erano le basi per sviluppare finalmente una linea di occhiali che rappresentassero e per davvero una “firma” legata alla moda. Volevo anche capire se la modellistica avesse un’impronta riconducibile all’idea collettiva che abbiamo di Trussardi oppure fosse una trasposizione dei modelli già presenti negli altri numerosi campionari di DeRigo. Succede spesso che modelli “di moda” siano presenti con leggere differenze in tutti i campionari perché “vendono”; alla fine perdono l’identità e la personalità che trasformano un occhiale in un’icona che sarà ricordata anche negli anni a venire.

 

trussardi ottica stellina

Ho guardato il campionario e mano a mano che i modelli si svelavano, la curiosità cresceva come la soddisfazione di vedere una collezione articolata ma non banale. Si c’è qualche errore di gioventù, qualche modello uscito ancora acerbo che stona insieme agli altri già più maturi, ma in complesso ci siamo come linea e bilanciamento dell’insieme: forma, colore, armonia.

La parola d’ordine è “eleganza” unita allo stile sobrio e pulito che ben conosciamo. La scelta dei materiali è un operazione importante e si è puntato sulla qualità senza inutili sofisticazioni. Ecco allora la celluloide perfettamente levigata, con colori che richiamano tempi lontani ma in abbinamenti moderni, con grande attenzione ai particolari, per creare oggetti da scoprire ed indossare con piacere. Soffermandosi sui particolari come ad esempio le cerniere non si può che ammirare l’estrema pulizia unita ad una robustezza a cui non eravamo più abituati. Sono rifiniti così bene che danno quasi l’impressione di essere pezzi unici, lavorati e abbinati uno ad uno con l’esperienza dei nostri maestri di occhialeria, piuttosto che il risultato di lavorazioni in serie, e che serie!

 

trussardi ottica stellina

Nelle montature niente è lasciato al caso e dopo le necessarie accortezze perché queste risultino comode, si è pensato a renderle ancora più gradevoli e sicure ed i terminali delle aste sono stati oggetto di un lungo studio per trovare la forma adatta a fornire una calzata che permetta di essere indossato da mattina a sera senza farsi sentire. Insomma si è cercato di trasportare la passione e la competenza che hanno reso famoso il marchio Trussardi anche nei più piccoli dettagli, senza risparmiare energie, cercando di migliorare più possibile il prodotto finito.

Condivido la scelta di presentare una collezione con pochi modelli ma ognuno frutto di un lungo lavoro di ricerca e test con l’idea dei piccoli passi: ci sono quindi occhiali da uomo e da donna, da vista e da sole, ma in tutti emerge l’eleganza e lo stile Trussardi.
Un design senza tempo che piacerà sia a coloro che già lo conoscevano, così come ai più giovani che magari lo sceglieranno proprio per le stesse caratteristiche che ne hanno decretato il successo in tutto il mondo.

 

trussardi ottica stellinaPer finire i prezzi, volutamente contenuti anche per una firma: oscillano infatti tra i 150 ed i 185 euro, sia per i modelli da vista che per quelli da sole.

A questo punto non mi resta che invitarvi in negozio, così potremo finire la chiacchierata.

eclissi solare: 20 marzo 2015

234982349283754021398457239

 

Nella mattina di venerdì 20 marzo il cielo sarà oscurato da una rara eclissi solare – la più simile si verificò nel 1999 – e nasconderà il sole per il 95% in Islanda o nel nord della Norvegia; in Italia l’oscuramento arriverà a circa il 60% al nord. A Bologna inizierà alle 9:25, il picco massimo alle 10:33 e si concluderà alle 11:45.

Va ricordato che non bisogna assolutamente guardare il sole ad occhio nudo e di seguito alcuni consigli per osservare l’eclissi in sicurezza. La premessa è che non basta “qualcosa” che schermi la luce intesa come luminosità: servono materiali che blocchino i raggi dannosi all’occhio come ultravioletti ed infrarossi. Procuratevi un vetro da saldatore con protezione 14, oppure i classici occhialini da eclissi con lenti in astrosolar o mylar.

Non utilizzate invece soluzioni casalinghe come più occhiali da sole sovrapposti, CD, vetro affumicato, negativi fotografici “neri” o lastre mediche. Non osservate il sole attraverso binocoli o telescopi.

Ma lo spettacolo non è finito: alla sera ci sarà la superluna, ovvero luna piena a distanza minima dalla terra!

edit: visto che i vetri da saldatore classe 14 paiono piuttosto rari e gli occhialini sembrano sembrano ormai introvabili, in alternativa si può proiettare l’eclissi ed evitare l’osservazione diretta. Lo svantaggio sarà l’immagine più piccola, ma comunque avvincente oltre a permettere la visione contemporanea di più persone; ideale quindi per coinvolgere i bambini. Sarà sufficiente un cartoncino di 10×10 cm dove fare un fiorellino con un ago al centro e proiettare il sole su di una superficie liscia. Fate alcune prove per capire a che distanza dovete tenere il cartoncino perché l’immagine risulti a fuoco. Una soluzione ancora più “portatile” potrebbe essere quella di utilizzare come schermo un secondo cartoncino; pratico perché si tengono con entrambe le mani e si trova facilmente la messa a fuoco ottimale. Inoltre se il meteo o gli impegni non ci permetteranno di seguire l’evento dal vivo potremo guardarlo in diretta sul virtual telescope.

edit2: ho consultato qualche esperto optometrista circa l’efficacia dei vetri da saldatore con protezione 11 che sono i più comuni nei negozi di ferramenta (i 14 sembrano introvabili), e considerando che il sole non sarà allo zenit poiché siamo in primavera, anche la protezione 11 dovrebbe essere sufficiente perché taglia bene sia IR che UV. Quindi per una osservazione mordi e fuggi ovvero senza fissare per lungo tempo il sole questi vetri da saldatore dovrebbero essere sufficienti. Ovviamente non ci assumiamo nessuna responsabilità per danni a persone e/o cose.

edit3: 20-3-2015 09:45:41 ho scattato una foto ricordo

eclissi 20 marzo 2015 ottica stellina

la vetrina di marzo

Marzo uguale primavera, anche a dispetto di un meteo rimasto un po’ indietro nel calendario. Il nostro orologio biologico, ci porta a cercare le margherite nei prati, immobili per il letargo invernale ed allora ecco la voglia di colore dei fiori, che sono il simbolo della nuova stagione.

Abbiamo voluto sottolineare il colore, utilizzando queste bellissime borse, da riempire con tutte le cose belle e buone che desiderate. Questo è il nostro augurio, anzi, la nostra certezza.

Buona primavera!

 

la vetrina di febbraio

Smile smile smile e ancora smile. Vogliamo affrontare così, col sorriso sulle labbra, l’arrivo della primavera. Poiché ne abbiamo tantissimi e non li finiremo così presto, veniteci a trovare: vi regaleremo mille sorrisi.

Studi scientifici hanno provato che egalare un sorriso, è terapeutico sia per il corpo che per la mente. Una risata libera endorfine, rilassa i muscoli del viso, abbassa la pressione del sangue, rende migliore l’umore, aiuta a resistere allo stress e rende più sensuali.

Noi lo sapevamo già 🙂 🙂 🙂

 

la vetrina di settembre

 

Dopo le vacanze si stenta a riprendere, un po’ come i primi giorni di scuola e allora abbiamo pensato di chiedere aiuto ad un esercito di camion, betoniere e ruspe. Chi fa da se fa per tre, ma se siamo in tanti è meno faticoso! Bambini entrate a provarli, il divertimento è assicurato.

soundtrack Underground’s Love SUPERDEE by djsuperdee
http://soundcloud.com/djsuperdee/undergrounds-love-superdee

 

la vetrina di luglio

 

In luglio complice l’estate, siamo riusciti a far crescere questi cactus nani. È bastata un po’ di segatura per convincerli di essere nella sabbia e la luce intensa dei faretti ha fatto il resto. Siccome soffrivano di solitudine, abituati come sono ad essere circondati da animali, abbiamo trovato questa famiglia di gechi molto gentili e disponibili. Inutile dire che è stato amore a prima vista ed ora sono inseparabili…