la celluloide: il favoloso materiale degli occhiali

 

 

Frontali occhiali lastra celluloide

 

A dire il vero é una sua evoluzione chimica, l’acetato di celluloide, il materiale plastico più usato nella costruzione di occhiali. Si forma una lastra, che risulta gelatinosa, questa lastra ha uno spessore di alcuni millimetri ed i pezzetti colorati sono disposti a diverse profondità, così da ottenere la carratteristica brillantezza. La lastra viene poi fatta esiccare (stagionatura) per poterla lavorare come si farebbe con il legno. Oltre alla brillantezza e profondità dei colori, questo materiale è termoplastico, ovvero scaldandolo diventa duttile ed è possibile modificarne leggermente la forma. In questo modo si inseriscono le lenti o si regolano le aste, creando l’assetto più comodo possibile.

Noi italiani, abbiamo una grandissima tradizione, non solo nella produzione di lastre, ma anche nell’ inventare e creare nuovi colori e motivi che ricalcano i dettami della moda, o la anticipano, appunto, innovando. Insomma, l’occhiale con il Made in Italy é ancora sinonimo di qualità e design. La qualità è riconosciuta in tutto il mondo, con marchi che hanno fatto la storia dell’occhiale, uno su tutti Persol, diventato sinonimo di occhiale da sole fin dagli anni ’50.

Abbiamo sottolineato come una delle caratteristiche della celluloide sia la brillantezza e profondità dei colori. Per mantenere sempre nuovo il vostro occhiale, sono sufficienti poche, semplici, precauzioni. La prima é quella di lavarlo sotto il rubinetto con acqua tiepida e sapone; asciugate poi con panno morbido. Evitate di esporli a temperature eccessive, ad esempio sul cruscotto dell’auto oppure nella sauna. Riponeteli nell’astuccio quando non sono utilizzati, e ricordatevi di passare ogni tanto dall’ottico perché controlli l’assetto.

Please follow and like us:
0